fbpx
emozioni positive negative psicologia igor vitale

Le emozioni positive annullano le emozioni negative persistenti

La prova dell’ipotesi dell’ampliamento delle azioni ha chiare implicazioni per le strategie che le persone usano per regolare le loro esperienze di emozioni negative.

Se le emozioni negative restringono il repertorio momentaneo pensiero-azione e le emozioni positive ampliano questo stesso repertorio, allora le emozioni positive dovrebbero funzionare come antidoti efficaci per gli effetti persistenti delle emozioni negative. In altre parole, le emozioni positive potrebbero correggere o annullare i postumi delle emozioni negative; io e i miei colleghi chiamiamo questa l’ipotesi sconveniente.

Le emozioni positive e negative sono incompatibili tra di loro

L’osservazione di base che le emozioni positive (o le componenti chiave di esse) sono in qualche modo incompatibili con le emozioni negative non è nuova ed è stata dimostrata in precedenti lavori sui:

Anche così, il meccanismo preciso alla fine responsabile di questa incompatibilità non è stato adeguatamente identificato. L’ampliamento della funzione delle emozioni positive può svolgere un ruolo.

Allargando il repertorio momentaneo di azione-pensiero di una persona, un’emozione positiva può allentare la presa che un’emozione negativa ha acquisito sulla mente e sul corpo di quella persona smantellando o annullando la preparazione per un’azione specifica.

Le azioni tipiche delle emozioni negative sono associate all’aumento del battito cardiaco

Un indicatore delle tendenze specifiche dell’azione associate alle emozioni negative è l’aumento dell’attività cardiovascolare, che ridistribuisce il flusso sanguigno ai muscoli scheletrici rilevanti.

Nel contesto delle emozioni negative, quindi, le emozioni positive dovrebbero accelerare il recupero o annullare questa reattività cardiovascolare, riportando il corpo a livelli di attivazione più medi. Accelerando il recupero cardiovascolare, le emozioni positive creano il contesto corporeo adatto a perseguire la più ampia gamma di pensieri e azioni suscitati.

L’esperimento del discorso “perché sei un buon amico”

Questa ipotesi sconvolgente è stata verificata inducendo prima un’emozione negativa ad alta attivazione in tutti i partecipanti (Fredrickson & Levenson, 1998; Fredrickson et al., In corso di stampa). In uno studio (Fredrickson et al.,), abbiamo utilizzato un compito di preparazione di discorso in pubblico sotto pressione.

In un solo minuto, i partecipanti hanno preparato un discorso sull’argomento “Perché sei un buon amico”, credendo che il loro discorso sarebbe stato filmato e valutato dai loro colleghi.

Questo compito del linguaggio ha indotto l’esperienza soggettiva dell’ansia insieme ad aumenti della frequenza cardiaca, vasocostrizione periferica e pressione arteriosa sistolica e diastolica. In questo contesto di eccitazione legata all’ansia, abbiamo assegnato casualmente ai partecipanti la visione di uno dei quattro film.

Due film hanno suscitato lievi emozioni positive (gioia e contentezza) e un terzo è servito come una condizione di controllo neutrale. In particolare, questi tre film, se visti seguendo una linea di base a riposo, non suscitano praticamente alcuna reattività cardiovascolare (Fredrickson et al., In corso di stampa).

Quindi i due film sulle emozioni positive usati in questo studio sono indistinguibili dalla neutralità rispetto ai cambiamenti cardiovascolari. Il nostro quarto film ha suscitato tristezza.

Abbiamo scelto la tristezza come ulteriore confronto perché, tra le emozioni negative, non è stata definitivamente legata a una tendenza all’azione ad alta energia, e quindi potrebbe essere un contendente per accelerare il recupero cardiovascolare.

I risultati dell’esperimento sulle emozioni

L’ipotesi disastrosa prevede che coloro che provano emozioni positive sulla scia di un’emozione negativa ad alta attivazione mostreranno il più veloce recupero cardiovascolare.

I miei colleghi e io abbiamo provato questo misurando il tempo trascorso dall’inizio del film assegnato in modo casuale fino a quando le reazioni cardiovascolari indotte dall’emozione negativa sono tornate ai livelli di base.

In tre campioni indipendenti, i partecipanti alle due condizioni di emozione positiva (gioia e contentezza) hanno mostrato un recupero cardiovascolare più rapido rispetto a quelli in condizioni di controllo neutro.

I partecipanti alla condizione di tristezza hanno mostrato la ripresa più protratta (Fredrickson & Levenson, 1998; Fredrickson et al., In corso di stampa).

Sebbene i due film con emozioni positive e il film neutro non differissero in ciò che fanno al sistema cardiovascolare, questi dati suggeriscono che differiscono in ciò che possono annullare all’interno di questo sistema.

Due distinti tipi di emozioni positive:

  • lieve gioia e contentezza
  • condividono la capacità di annullare i persistenti effetti cardiovascolari persistenti delle emozioni negative.

Sebbene i precisi meccanismi cognitivi e fisiologici dell’effetto di annullamento rimangano sconosciuti, la teoria di ampliamento e costruzione suggerisce che l’allargamento a livello cognitivo media l’annullamento a livello cardiovascolare.

Le emozioni positive neutralizzano quelle negative

Fenomenologicamente, le emozioni positive possono aiutare le persone a collocare gli eventi nella propria vita in un contesto più ampio, diminuendo la risonanza di ogni particolare evento negativo. Forse indicando marcatori fisiologici di effetti allarganti, alcuni hanno suggerito che il controllo cardiaco parasimpatico (misurato come variabilità della frequenza cardiaca o aritmia sinusale respiratoria) è alla base delle emozioni positive e della capacità di regolare le emozioni negative.

Testare questi suggerimenti ed estendere il lavoro ad altre emozioni e altri contesti fornisce una road map per la ricerca futura.

Come le emozioni positive migliorano il benessere psicologico

Le prove dell’effetto importante delle emozioni positive suggeriscono che le persone potrebbero migliorare il loro benessere psicologico, e forse anche la loro salute fisica, coltivando esperienze di emozioni positive in momenti opportuni per far fronte a emozioni negative (Fredrickson, 2000a). Folkman e colleghi hanno affermato che esperienze di affetto positivo durante lo stress cronico aiutano le persone a superarlo (Folkman, 1997; Folkman & Moskowitz, 2000; Lazarus, Kanner e Folkman, 1980).

Le prove a sostegno di questa affermazione possono essere tratte da esperimenti che dimostrano che l’affetto positivo facilita l’attenzione verso informazioni negative e rilevanti per il sé

Vedi in bibliografia Reed & Aspinwall, 1998; Trope & Neter, 1994; Trope & Pomerantz, 1998; per una recensione, vedi Aspinwall, 1998.

Riassumento questi risultati, Aspinwall (2001) ha descritto come l’affetto positivo e le convinzioni positive servano come risorse per le persone che affrontano le avversità.

Vedi anche Aspinwall e Taylor, 1997; Taylor, Kemeny, Reed, Bower e Gruenewald, 2000.

Il ruolo della resilienza psicologica per favorire emozioni positive

Sembra plausibile che alcuni individui, più di altri, possano comprendere e utilizzare intuitivamente i benefit delle emozioni positive a proprio vantaggio. Una variabile di differenza individuale dal notevole impatto è la resilienza psicologica.

Si dice che gli individui resilienti si riprendano dalle esperienze stressanti in modo rapido ed efficiente, proprio come i metalli resilienti si piegano ma non si rompono (Carver, 1998; Lazarus, 1993).

Questa definizione teorica di resilienza suggerisce che, rispetto ai loro pari meno resilienti, gli individui resilienti mostrerebbero un recupero cardiovascolare più rapido a seguito di un’emozione negativa ad alta attivazione. Inoltre, la teoria amplia e suggerisce che questa capacità di resistere alla linea di base cardiovascolare possa essere alimentata da esperienze di emozione positiva.

L’efficacia della resilienza per le emozioni positive

Prove preliminari suggeriscono che le emozioni positive possono alimentare le differenze individuali nella resilienza. Considerato che la resilienza psicologica è una risorsa personale stabile, la teoria amplia e costruisce la previsione più audace che le esperienze di emozioni positive potrebbero anche, nel tempo, costruire resilienza psicologica, non solo rifletterla. Cioè, nella misura in cui le emozioni positive ampliano gli ambiti dell’attenzione e della cognizione, consentendo un pensiero flessibile e creativo, dovrebbero anche aumentare le risorse di coping durature delle persone (Aspinwall, 1998, 2001; Isen, 1990).

A loro volta, costruendo questa risorsa psicologica, le emozioni positive dovrebbero migliorare il successivo benessere emotivo delle persone. Coerentemente con questo punto di vista, gli studi hanno dimostrato che le persone che provano emozioni positive durante il lutto hanno maggiori probabilità di sviluppare piani e obiettivi a lungo termine. Insieme a emozioni, piani e obiettivi positivi prevedono un maggiore benessere psicologico dopo 12 mesi di postbereavement (Stein, Folkman, Trabasso e Richards, 1997; per lavori correlati, vedi Bonanno & Keltner, 1997; Keltner & Bonanno, 1997).

Un modo in cui le persone provano emozioni positive di fronte alle avversità è trovare un significato positivo negli eventi ordinari e all’interno delle avversità stesse (Affleck & Tennen, 1996; Folkman & Moskowitz, 2000; Fredrickson, 2000a).

È importante notare che la relazione tra significato positivo ed emozioni positive è considerata reciproca:

  • non solo trovare un significato positivo scatena emozioni positive
  • ma anche emozioni positive, poiché ampliano il pensiero, dovrebbero aumentare la probabilità di trovare un significato positivo negli eventi successivi (Fredrickson, 2000a).
Video corso gratuito in Psicologia delle Emozioni

 

Scrivi a Igor Vitale