fbpx
comunicazione verbale paraverbale e non verbale igor vitale corso

Comunicazione verbale, paraverbale e non verbale definizione

Questo articolo spiega le differenze tra comunicazione verbale, paraverbale e non verbale inclusa la definizione. Durante il corso dell’articolo potrai comprendere come riconoscere ognuna di queste tre forme di comunicazione.

Ti consiglio inoltre di vedere questi approfondimenti su comunicazione verbale, paraverbale e non verbale

Forme di comunicazione

Secondo lo studio di Albert Mehrabian, nel processo di comunicazione, la comunicazione non verbale (gesti, postura, distanza, ecc.) E la comunicazione paraverbale (inflessione, tono, volume della voce) sono più importanti della comunicazione verbale.

In percentuale, il 55% del messaggio è trasmesso da un linguaggio non verbale; 38% del linguaggio paraverbale solo il 7% attraverso parole, messaggio verbale.

Se vuoi migliorare la tua voce (comunicazione paraverbale), clicca qui ed accedi al corso gratuito dedicato

 

Come comunicare secondo Joe Navarro

La comunicazione verbale è la forma di comunicazione più comune. Si differenzia da altre forme di comunicazione per diverse caratteristiche:

  • comporta un messaggio che deve contenere elementi strutturali, di attualità, di interesse e di motivazione per l’ascoltatore, chiarezza e coerenza, ecc .;
  • assume la fornitura di più media per la comprensione del messaggio, in cui il più importante è quello iconico e, allo stesso tempo, implica la concordanza tra il messaggio verbale e non verbale, in cui quest’ultimo ha un ruolo di rafforzamento;
  • è circolare e permissivo, nel senso che si ritorna a informazioni, dettagli che non sono stati forniti quando il messaggio è stato concepito;
  • va pensata come fortemente influenzato dalla situazione e dall’occasione: lo stesso messaggio può essere ricevuto in modo diverso dallo stesso destinatario a seconda della disposizione motivazionale, dei fattori di affaticamento e stress, delle condizioni favorevoli o meno del contesto comunicativo;
  • è fortemente influenzato dalle caratteristiche individuali del trasmettitore e del ricevitore;
  • possiede anche gli attributi della necessità umana, ovvero, il bisogno umano di comunicazione.

 

Nella comunicazione verbale troviamo le seguenti forme e strutture compositive:

  • la parola
  • l’intervento
  • il discorso
  • la conferenza
  • il dibattito
  • la tesi
  • il discorso.

 

Le parole sono suoni e segni che servono all’uomo per costruire messaggi.

Con l’aiuto delle parole, il verbo e la scrittura umana sono realizzate. La chiarezza del messaggio significa l’uso corretto della parola esatta e una grammatica corretta (l’uso corretto di regole pratiche, verbi, aggettivi e avverbi, l’uso corretto del gergo e degli eufemismi, ecc.) Una difficoltà nella comunicazione è dovuta alla tendenza ad usare anglicismi ma anche usando termini volgari o offensivi.

 

Intervento – una forma di dibattiti orali gratuiti e concisi su un determinato argomento (culturale, scientifico, ideologico), alla presenza di un pubblico interessato. Esprime un punto di vista personale della persona che interviene, con motivazioni chiare e convincenti, con sfumature di originalità, avvicinandosi a un singolo aspetto, sotto forma di opinione.

Discorso – forma spontanea o elaborata di comunicazione orale, breve e occasionale. Può anche assumere la forma della parola o del saluto in diversi eventi.

Presentazione – una forma estremamente elaborata di una comunicazione oratoria, con la quale un problema o un tema è sostenuto o provato, discusso di fronte a un pubblico.

La conversazione: – si basa sul dialogo tra due persone, su domanda e risposta al fine di raggiungere un obiettivo in una determinata situazione. Viene eseguito faccia a faccia, ma anche attraverso mezzi tecnici (telefono, TV a schermo piccolo, ecc.).

Il linguaggio: uno strumento di comunicazione.

Il principale supporto della comunicazione umana è il linguaggio in tutta la sua diversità e risorse espressive.

Il quadro generale della formazione linguistica è la lingua. Forma una realtà sociale oggettiva, storicamente costituita nell’evoluzione della collettività e unica per l’intera collettività – gruppo etnico, popolo, nazione.

La lingua comprende tutte le parole usate dai membri della comunità (il vocabolario), una struttura (grammatica) della comunicazione, le proprie leggi per l’evoluzione dei termini verbali, le norme e le regole dell’ortografia, l’ortografia, l’ortoepie, l’uso del lessico, ecc. Attraverso la lingua, l’esperienza sociale della comunità viene fissata, elaborata e trasmessa, sotto forma di conoscenza, credenze, valori, norme e modelli culturali, essendo allo stesso tempo sia i mezzi di socializzazione che la formazione delle nuove generazioni, nonché lo strumento della comunicazione interumana nel contesto di tutte le azioni umane.

Le tecniche di comunicazione verbale, paraverbale e non verbale umana

Il linguaggio come relazione umana è caratterizzato dall’uso di simboli, intuitivi o astratti, che incorporano sempre un significato per gli individui, o compresi, derivanti proprio dall’assemblaggio di conoscenza, stati affettivi, tendenze all’azione, che evoca, in particolare, il verbale simboli nella coscienza degli individui. Il linguaggio come strumento essenziale di comunicazione, indipendentemente dalla sua forma (naturale, artificiale, speciale), svolge una serie di funzioni di:

  • conoscenza;
  • comunicazione;
  • accumulo di informazioni;
  • influenza educativa;
  • adattamento comportamentale e autocontrollo delle azioni degli individui;
  • esprime i comandi morali della comunità, le sue relazioni dominanti. (S. Șerb, 200)

La psicologia della parola: come cambia la nostra mente

La parola genera e innesca emozioni che essenzialmente cambiano il comportamento. Ad esempio, se qualcuno ci offende con parole con significati tendenziosi, ci sono eventi nel nostro corpo che sono difficili da controllare:

  • aumento della pressione sanguigna
  • frequenza respiratoria
  • tensione muscolare.

Se qualcuno ci fa dei complimenti possiamo arrossire, ci fa piacere e diventiamo più attivi.

La parola può avere un’influenza sia negativa che positiva sull’individuo. L’influenza positiva è data dal fatto che una buona parola porta speranza. L’influenza negativa appare quando la parola fa male agli organi, genera dolore all’anima, spaventa e deprime. Le parole giuste danno coraggio e fiducia.

Internet è la rete internazionale di comunicazione informatica che garantisce la connessione e il trasferimento di informazioni quasi istantaneamente, a costi molto bassi, tra organizzazioni e individui in tutto il mondo. Questi successi tecnologici hanno eliminato la comunicazione che dovevamo incontrare per vedere quanto fosse importante comunicare.

Un comportamento aggressivo può verificarsi anche online

Attraverso Internet possiamo rimanere in contatto con i nostri cari. Siamo in grado di trovare tutti i tipi di informazioni in pochi minuti, possiamo comprare tutto da qualsiasi luogo, ecc. Oltre all’importanza della comunicazione, i diversi programmi e siti a nostra disposizione, rendere la comunicazione virtuale tra le persone semplice e in tempo reale, ad esempio: chat, Facebook, Skype, messenger, ecc.).

Allo stesso tempo, con l’aiuto di una webcam e un microfono, possiamo ascoltare e vedere le persone dall’altra parte dello schermo. Per quanto avanzata possa essere la tecnologia, deve essere utilizzata in modo tale da aiutare a comunicare e non sostituirla.

Il cyberbullismo – manifestato attraverso comportamenti aggressivi di bullismo, molestie, umiliazioni, prese in giro e ripetutamente rivolte a una persona – è un fenomeno che li influenza in modi diversi, sempre di più. molti degli utenti di Internet.

Scrivi a Igor Vitale