fbpx
assertività comunicazione igor vitale

Come esercitare l’Assertività: comunicazione verbale, non verbale e comportamenti tipici

Questo articolo spiega il concetto di assertività (comunicazione). Mostrando le differenze tra comportamento assertivo, aggressivo e passivo.

Delineo gli elementi di assertività in comunicazione verbale, non verbale e comportamenti.

Descrivo, nella comunicazione dell’assertività, le frasi tipiche della persona assertiva.

Mostro inoltre come distinguere l’assertività (comunicazione) dalle forme passivo-aggressive.

Il comportamento è un’attività osservabile di un organismo, un’interazione con il suo ambiente. Il comportamento è un modo di agire e reagire in determinate circostanze o situazioni.

Prima di iniziare ti consiglio di leggere questi approfondimenti:

 

Tipi comportamentali e caratteristiche dei tipi comportamentali

Esistono diversi tipi di comportamento descritti in letteratura, ognuno con caratteristiche specifiche. Successivamente, li descriveremo brevemente.

Comportamento passivo o sottomesso (non assertivo)

Il messaggio inviato da questo è ” Non conto nulla”. Vediamo gli indicatori del comportamento passivo:

  • La persona mostra una cortesia esagerata, proprio per paura di non provocare un conflitto
  • ha una voce morbida, incerta,
  • spalle in giù, postura ritirata
  • non ha iniziativa, per non avere responsabilità
  • lascia che gli altri prendano decisioni,
  • non chiede nulla per se stesso
  • la passività può essere la conseguenza di comportamenti di abuso psicologico o verbale nell’infanzia o trascuratezza da parte dei genitori
  • una delle conseguenze del comportamento è il coinvolgimento in relazioni umilianti in cui si gioca il ruolo della “vittima”, con un atteggiamento dominante.

Cosa fa il passivo sottomesso (comportamenti)

Ecco i comportamenti del tipo passivo:

  • nega i propri diritti;
  • non difende i suoi interessi;
  • non esprime i suoi sentimenti;
  • consente ad altri di influenzarlo;
  • manifesta sentimenti di colpa e impotenza, solitudine, paura e ansia;
  • conserva le sue emozioni e sentimenti (positivi e negativi);
  • ritiene che le loro idee e opinioni non siano importanti;
  • svaluta la propria persona;
  • evita scontri diretti;
  • non partecipa a discussioni accese;
  • è timido, obbediente, sottomesso e umile;
  • ritiene che il suo comportamento passivo lo aiuterà ad essere accettato e approvato da altri;
  • paura di non disturbare o offendere nessuno;
  • non può prendere decisioni;
  • reagisce male alle critiche;
  • evita di esprimere le proprie opinioni;
  • presenta conflitti intrapersonali

Espressioni verbali tipiche del soggetto passivo

  • “Mi scuso di aver impegnato il tuo tempo prezioso, ma …”,
  • “Se lo dici tu, lo farò…”
  • “Solo questo, per favore, non voglio farti arrabbiare”

 

Comportamenti non verbali e linguaggio del corpo del tipo passivo

  • evita le persone,
  • voce lenta e monotona,
  • contatto visivo minimo,
  • fa movimenti nervosi,
  • la posizione del tronco è flessa,
  • tieni le spalle piegate e la testa tra le spalle,
  • le braccia sono generalmente incrociate.

 

Tipi di comportamento aggressivo. Il messaggio inviato è “IO!”

Queste sono i comportamenti tipici della persona aggressiva

  • La persona con un comportamento aggressivo sostiene e supporta le sue idee a danno dei sentimenti degli altri
  • Vuole vincere in tutto ciò che fa perché considera quasi tutto come una competizione.
  • Appare arrogante e sicuro di sé, ma spesso nascondono se stessi
  • mostra spesso frustrazione, dolore derivante dall’incapacità di raggiungere gli obiettivi, “cosmetizzato” dall’atteggiamento dominante (io domino prima di essere dominato), voce calma, usa sarcasmo.

L’aggressivo si basa sul controllo su persone, eventi, azioni degli altri, ma lo farà spesso soffrono quando si verificano quelle cose, situazioni, persone che non saranno in grado di controllare (il tempo, le ore di funzionamento delle istituzioni, il gradimento di un altro, le persone difficili da manipolare).

 

Pertanto, il tipo aggressivo ha questi comportamenti tipici:

  • offende coloro che lo circondano;
  • danneggia i sentimenti delle persone;
  • viola i diritti degli individui;
  • usa un tono alto;
  • usa espressioni offensive;
  • intraprende azioni che disturbano gli altri;
  • umilia le persone;
  • ha un atteggiamento di superiorità nei confronti delle persone;
  • critica in modo distruttivo le persone (per errori reali o immaginari) e il loro lavoro;
  • tratta le persone con disprezzo;
  • è ostile e malvagio;
  • non accetta altre opinioni e idee;
  • non capisce le idee degli altri;
  • interrompe l’interlocutore per esprimere la propria opinione;
  • prende decisioni senza consultare gli altri;
  • manifesta insoddisfazione in modo irruento;
  • parla molto durante le liti;
  • trova difetti in tutto ciò che fanno gli altri.

 

Espressioni verbali usate frequentemente:

  • “Lo farai o no?!”
  • “Che stupido!”
  • “È chiaro che non sei in grado di capire!”
  • “Siete tutti stupidi!”

Comunicazione non verbale dell’aggressivo/dominante:

Leggi qui un approfondimento sulla comunicazione non verbale della rabbia

  • tensione,
  • entra nello spazio personale altrui
  • ha la fronte corrugata
  • l’espressione del viso è rigida,
  • tiene gli occhi fissi sugli occhi dell’interlocutore per intimidirlo,
  • fa gesti provocatori,
  • agita il pugno e l’indice,
  • ha una voce minacciosa e fredda

Le differenze tra assertività e aggressività (comunicazione)

L’assertività non è aggressività. L’aggressività supera l’assertività ed è più vicina a impertinenza, combattività e violenza. La differenza fondamentale tra i due concetti è data dal fatto che l’aggressività non lascia spazio a considerazioni su sentimenti, punti di vista o obiettivi degli altri.

Aggredire significa vincere, indipendentemente dai costi. “Passare come un bulldozer su qualcuno” è una metafora che descrive perfettamente l’essenza dell’aggressività (Marcia Hughes, James Bradford Terrell, 2013).

Il comportamento passivo-aggressivo: indicatori. Il messaggio inviato è “forse tu” ma quello che pensano davvero è “IO!”

Persona con comportamento passivo – aggressivo:

A volte è difficile identificarlo perché è sottile, non obietta apertamente, anche se lo farebbe, e la frustrazione accumulata attraverso la repressione (a causa della mancanza di coraggio o del permesso di rispondere) si manifesta violentemente in situazioni inaspettate.

Non solo non si oppone, ma non esprime apertamente la sua opinione, spesso per paura di non commettere errori, di non assumersi la responsabilità, dandosi così l’opportunità di diffondere gli errori degli altri e di criticare.

C’è sempre una ragione di rivolta contro la famiglia, i capi, le autorità, quelli che hanno il controllo e stabiliscono le regole perché, segretamente, loro vorrebbero il ruolo di “controllo”, ma non possono farlo per paura del potere , per non fare errori.

Sono spesso un’unità di opposti: se fa caldo, perché non fa freddo, se fa freddo, sarebbe meglio che facesse caldo.

Nulla sembra soddisfarli principalmente la propria persona a causa del fatto che non si manifestano come si sentono, ma scelgono sempre di censurare le reazioni, di astenersi da qualcosa o di sentirsi in colpa per aver scelto di liberarsi.

Spesso scelgono relazioni in cui possono manifestare il loro “sussulto” con persone con scarsa autostima, che interpretano le critiche come normali.

Comportamento e comunicazione dell’assertività. Il messaggio inviato è “Mi dichiaro come così sono”

La persona con un comportamento assertivo riconosce i propri bisogni e li afferma e agisce per loro cura: è onesto con se stesso e con gli altri, il che porta a un equilibrio interno nei rapporti umani.

 

Comportamenti, atteggiamenti e comunicazione nell’assertività

  • rispetta sia i suoi diritti che quelli degli altri;
  • esprime i propri bisogni, desideri, sentimenti e preferenze in modo aperto e onesto, in modo appropriato;
  • rispetta le persone;
  • tiene conto delle opinioni e delle idee degli altri;
  • apprezza il lavoro delle persone e lo dichiara apertamente;
  • comunica apertamente con le persone;
  • riceve i messaggi correttamente, senza distorsioni;
  • se critica ancora le persone, lo fa in modo costruttivo;è un buon interlocutore, ascolta le persone senza interromperle;
  • si fida dei propri punti di forza e del potenziale degli altri;
  • tiene conto dei suggerimenti delle persone e li ringrazia sinceramente;
  • chiede e offre aiuto con piacere;
  • risponde alle esigenze degli altri.

 

 

Espressioni verbali utilizzate nella comunicazione (assertività):

  • “Penso che…”
  • “Vorrei fare questo …”
  • “Apprezzo molto quello che hai fatto per me”

Comunicazione non verbale assertività

Leggi qui un approfondimento della comunicazione non verbale assertiva

  • espressioni facciali aperte e rilassate,
  • contatto visivo, purché non disturbi l’interlocutore,
  • la posizione del tronco è dritta, rilassata, ma non rigida,
  • ha una voce calma ma fiduciosa,
  • sorride sinceramente quando necessario,
  • approva l’interlocutore annuendo.

Leggi il progetto completo su bullismo, assertività comunicazionescheda

Scrivi a Igor Vitale